Padiglione d’oro di Kyoto, incanto giapponese

di
Padiglione d'oro di Kyoto, Giappone © Keith Pomakis

Padiglione d'oro di Kyoto, Giappone © Keith Pomakis

Riflesso antico e prezioso, il Padiglione d’oro di Kyoto si disegna nel Kyōko-chi: il “lago Specchio” è tela trasparente, riverbero armonico tra cielo e terra, sintonia perfetta di ogni elemento umano e naturale.

Tra le mete turistiche più importanti del Giappone e patrimonio mondiale dell’Unesco, il complesso circondato da un magnifico giardino fu costruito nel 1397 come villa per lo Shogun Ashikaga Yoshimitsu. Alla sua morte, il figlio lo trasformò in un tempio Zen della scuola Rinzai.

Il Padiglione d’oro di Kyoto (Kinkaku-ji in giapponese) prese fuoco due volte durante la guerra degli Ōnin. Il 2 luglio del 1950 Hayashi Yoken, monaco novizio di 22 anni, lo incendiò. E subito dopo cercò di togliersi la vita.

Ricostruito nel 1955 e ristrutturato nel 1987, l’edificio – dove si trovano le reliquie cenere del Buddha – subì nuovi lavori al tetto nel 2003. Due dei suoi tre piani sono rivestiti di foglie d’oro. Ogni livello ha un diverso stile architettonico: shinden, samurai e zen.

Il primo piano del Padiglione d’oro di Kyoto, chiamato anche “La Camera di Dharma Waters” ha la foggia residenziale tipica del XI secolo con verande, intonaco bianco e materiali naturali: simbiosi perfetta col paesaggio intorno.

Dalla finestra frontale è possibile vedere le statue di Buddha Shaka e Yoshimitsu. La maggior parte delle pareti hanno persiane regolabili per permettere alla luce di entrare: l’unica cui è concessa di visitare la pagoda.

Il secondo piano del Padiglione d’oro di Kyoto, noto come “La Torre delle onde del suono”, ha porte in legno scorrevoli che si aprono sulla Sala del Buddha e sul santuario dedicato a Kannon, la dea della misericordia nella religione buddhista.

Il terzo livello è dorato sia all’interno che all’esterno. Qui, in passato, si svolgevano gli eventi più riservati. Tra cui la cerimonia del tè. Sul tetto a forma piramidale svetta una fenice in bronzo, simbolo universale di rinascita.

Per approfondire:
Wikipedia
Il sito del Padiglione d’oro di Kyoto

I commenti all'articolo "Padiglione d’oro di Kyoto, incanto giapponese"

Scrivi il tuo commento tramite

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...