Castello di Osaka, Giappone dorato

di
Il castello di Osaka, Giappone  © Joop

Il castello di Osaka, Giappone © Joop

Nel cuore del grande parco Chuo, il castello di Osaka si alza possente. E dalla torre principale guarda fiero la città distesa all’orizzonte. Simbolo dell’unificazione del Giappone nel XVI secolo, è ancora oggi uno degli edifici più famosi del Paese nipponico.

La sua costruzione risale al 1583 quando il grande samurai Toyotomi Hideyoshi (1536-1598) diede ordine di realizzare un maniero dalla foggia simile a quello di Azuchi ma migliore sotto ogni aspetto.

Così gli uomini agli ordini del famoso militare, noto per aver unito il Giappone e aver invaso la Corea, innalzarono una torre ricoperta da foglie d’oro ai lati con cinque piani a vista e altri tre sotterranei.

Durante i secoli, il castello di Osaka viene più volte danneggiato, bruciato e ricostruito. Soprattutto dopo la Seconda Guerra Mondiale quando la torre è colpita dai bombardamenti alleati.

L’ultima ristrutturazione risale al 1997. E oggi il maniero è una ricostruzione fedele, seppur in cemento, della struttura originale. Ogni anno migliaia di visitatori attraversano gli otto ettari del parco che lo circonda, e lo visitano ammirati.

Il castello di Osaka è stato realizzato all’estremità settentrionale dell’altopiano Uemachi-daichi (12 chilometri di lunghezza, due e mezzo di larghezza). Per questo motivo, il basamento della struttura è rialzato rispetto al parco e al resto della città.

Il maniero occupa una superficie di quasi un chilometro quadrato, e poggia su due piattaforme di terra rialzate che sono rinforzate da due alti muri a perpendicolo di roccia tagliata del pianoro. Ognuno di loro si alza su un fossato.

L’edificio centrale del castello di Osaka è suddiviso in cinque piani all’esterno e otto all’interno. In questo modo, grazie anche il dislivello naturale dell’altopiano la struttura era ben protetta in caso di assedio.

Oggi, gli unici assedianti sono i turisti. Specialmente durante la fioritura dei ciliegi giapponesi: il prato del parco del maniero si riempie di venditori di cibi e bevande, di gente che organizza pic-nic e di suonatori di taiko. Poi, molti di loro, attraversano il ponte ed entrano nel castello di Osaka per scoprirne storia e magia.

Per approfondire:
Wikipedia

I commenti all'articolo "Castello di Osaka, Giappone dorato"

Scrivi il tuo commento tramite

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...